Storia
Prenota il tuo soggiorno
Data di arrivo:
Numero di notti:
Verificare la disponibilità

La Messardiere
un nome iscritto nella storia

Il nome della Messardière non si limita al nome di questo prestigioso albergo 5 stello a Saint-Tropez, esso risale all’epoca di Charles Martel, e fu, a partire dal 640, legato ad una moltitudine di alleanze alle stirpi reali, corolinge e in seguito capetinge.

Gli stemmi del Chateau de la Messardiere

Passando da lotte armate a distinzioni di corte, è nel 1669, all’epoca del matrimonio tra Renata, figlia del Signore della Messardière con il conte Léonor Le brun, che gli stemmi della dinastia fecero la loro apparizione. Sono essiad ornare oggi la proprietà : Armi d’argento con scaglioni, accompagnati da tre merlotti di sabbia », con il motto « Victor et Inermis », vincitore pur disarmato…

Dal castello all’albergo di lusso tropeziano

Rivenduto svariate volte, il declino minacciava ulteriormente il Castello. Solitario ed aperto ai quattro venti sulla collina, una situazione proprizia al vagabondaggio onirico… gli abitanti di St. Tropez credettero di avervi visto dei fantasmi … Gli appassionati di esoterismo hanno addirittura sentito nodi di energia positiva e negativa incrociarsi nei paraggi, impregnando il luogo di un’atmosfera eccitante e nel contempo mistica. Motivo per cui svegliare le superstizioni…

Il castello fu restaurato e ingrandito nel 1989 sotto l’egidia di J.C Rochette (capo architetto dei Monumenti storici). Ripreso nel 1992 da un gruppo francese, il castello sta rivivendo una nuova giovinezza sotto la direzione di Alexandre DURAND-VIEL, Direttore Generale.

I cipressi che lo circondano gli portano ormai, secondo la loro simbologia, l’eternità…

Il destino del Castello

Costruito nel XIXesimo secolo, il castello fu offerto agli inizi del secolo seguente, al momento del loro matrimonio, a Henry Brisson de la Messardière, ufficiale ed eccellente cavaliere e a Louise Dupuy Angeac, una giovane artista e musicista. Nacquero sette figli.

Ritmata dalle lunghe passeggiate a cavallo e dagli accordi al pianoforte, la vita trascorreva tranquilla e felice… Il destino colpì prematuramente Henri e la rovina cominciò a preannunciarsi. Dinamica e determinata la giovane vedova decise allora la vocazione del luogo: accogliere persone di rilievo.

Durante gli anni folli, ricevimenti e fasto riempirono i saloni di vita e di feste, ma Louise non sapeva gestire e pian piano la proprietà cominciava a cadere in declino…